Salta al contenuto

CORONAVIRUS (COVID-19. Il virus che ha fermato il mondo

CORONAVIRUS (COVID-19

Cos'è il coronavirus (COVID-19)?

È un virus appartenente alla famiglia allargata di coronavirus, che può causare malattie sia negli animali che nell'uomo. COVID-19 è una malattia infettiva che è stata recentemente scoperta, insieme al coronavirus che lo provoca, da un focolaio verificatosi nella città cinese di Wuhan nel dicembre 2019.

Cause e origine del coronavirus

L'esatta origine di questo nuovo coronavirus non è ancora chiara, ma è noto che i primi casi erano noti nella città di Wuhan, capitale della provincia di Hubei, in Cina. 

Ci sono diverse voci sulle cause di questo virus, che si è diffuso molto rapidamente in tutto il mondo, ma nessuna di esse è stata ancora dimostrata dagli scienziati che hanno studiato il problema. È stato detto che è nato nel mercato del pesce a Wuhan, che è mutato in animali come pipistrelli prima di passare agli umani, o che è nato in un animale che abbonda in quella zona chiamata pangolino. 

Sebbene i pipistrelli siano serbatoi naturali di coronavirus e nel mercato di Wuhan siano commercializzate diverse specie animali che potrebbero essere sospettate di essere un ponte per l'uomo, in questo momento non ci sono conferme su come sia nata questa pandemia.

Il coronavirus umano

I coronavirus sono una grande famiglia di virus che sono noti da molto tempo e Sars-CoV-2 è l'ultimo a essere scoperto.

Il nome coronavirus è dovuto al fatto che la sua superficie ha punte a forma di corona.

Sia questo virus che la malattia COVID-19 non erano noti prima dello scoppio nel mercato di Wuhan nel dicembre 2019.

Diversi coronavirus sono noti per causare infezioni respiratorie nell'uomo, che vanno dal classico raffreddore a malattie più gravi come la sindrome respiratoria mediorientale (Mers) e la sindrome respiratoria acuta grave (Sars), secondo l'Organizzazione mondiale della sanità.

I coronavirus sono molti e molto comuni nelle specie animali, principalmente pipistrelli e uccelli, anche se non tutti possono infettare l'uomo e alcuni causano solo un raffreddore comune.

Non si sa esattamente a che punto della storia abbiano avuto origine i primi coronavirus, ma si sa che hanno avuto il loro inizio molto tempo fa, probabilmente milioni di anni. Potrebbero apparire fino a quando sono esistiti uccelli e pipistrelli, o anche prima.

Tipi di coronavirus

I virus coronaviridi (Coronaviridae) sono divisi in due famiglie: la Orthocoronavirinae (più spesso conosciuta come coronavirus) e la Letovirinae.

All'interno del gruppo di coronavirus o "CoV" ci sono quattro gruppi principali e i loro nomi sono lettere greche: alfa, beta, gamma e delta.

I CoV alfa e beta infettano i mammiferi più comunemente e probabilmente hanno avuto origine in pipistrelli, mentre i CoV gamma e delta infettano e in gran parte hanno origine negli uccelli. Diversi mammiferi, come maiali e umani, ospitano più coronavirus.

Circa due anni fa, in Cina, si è verificato un focolaio di un coronavirus suino, Sars-CoV, che è iniziato nei pipistrelli e ha provocato la morte di 25.000 suini.

Come noto dalla ricerca scientifica sull'uomo, ci sono sette tipi noti di coronavirus che possono infettarci, chiamato HCovs.

Quattro dei coronavirus HCov (HCoV-229E, HCoV NL63, HCoV-HKU1 e HCoV-OC43) di solito causano un raffreddore comune e sono probabilmente potenzialmente più gravi nelle persone con deficienze immunitarie.

Gli altri tre tipi di coronavirus che hanno colpito focolai di malattie gravi nell'uomo sono Sars-CoV (tra il 2002 e il 2003), Mers-CoV (dal 2012 ad oggi) e attualmente Sars-CoV-2 2019, che causa COVID-19 e non si sa quanto durerà la sua portata.

Altri virus nella famiglia dei Coronavirus

virus

Coronavirus SARS

La SARS o sindrome respiratoria acuta grave è stata scoperta alla fine di febbraio 2003. L'OMS (Organizzazione mondiale della sanità) ha sviluppato un'indagine internazionale congiuntamente

Leggi di più "
virus

MERS Coronavirus

La sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS) è una malattia respiratoria virale causata da un coronavirus (il coronavirus che causa la sindrome respiratoria del Medio Oriente o

Leggi di più "

L'origine del coronavirus umano era in un mercato cinese?

Si presume che ciò avvenga, poiché i primi casi noti di COVID-19 positivi si sono verificati nel mercato della città di Wuhan - con circa 11 milioni di abitanti - la capitale della provincia di Hubei in Cina. Molti specialisti indicano la vendita di animali selvatici lì come probabile causa dell'incubazione e della diffusione di questo nuovo coronavirus.

Il mercato di questa città, situata nel centro della Cina, vende frutta, verdura, tagli di manzo, maiale e agnello, polli interi, granchi, pesci vivi e carne di circa 112 diverse specie animali, dai ratti ai koala. Il verificarsi di questi coronavirus può essere dovuto alle condizioni affollate e antigieniche di molti degli animali che vengono scambiati vivi e che potrebbero possedere e trasmettere il VID-19. Sporcizia, immondizia, sangue animale e mancanza di controlli sanitari sono ambienti perfetti per l'emergere di nuovi agenti patogeni. 

Quando sono stati segnalati i primi casi positivi di COVID-19, le foto e i video del cattivo stato di igiene nella zona hanno iniziato a circolare sui vari social network. Il mercato di Wuhan è stato chiuso il 1 ° gennaio dal governo della Repubblica popolare cinese, dopo alti sospetti che questo sito fosse il luogo di origine e il primo epicentro dell'attuale pandemia, che si è diffusa nel resto del paese e in quasi tutti i paesi nel mondo.

Percorsi di trasmissione del coronavirus

Il modo principale in cui COVID-19 si diffonde è attraverso il contatto diretto con un'altra persona infetta dal virus. La trasmissione della malattia può verificarsi con piccole gocce dal naso o dalla bocca che vengono rilasciate quando una persona infetta tossisce o espira e viene a contatto con un'altra persona. 

Un'altra forma di trasmissione può essere se una persona non infetta viene a contatto con oggetti o superfici che qualcuno che è malato ha diffuso il virus tossendo o espirando e quindi mette le mani nella bocca, nel naso o negli occhi.

Gli studi finora dimostrano che il virus viene trasmesso dal contatto con le goccioline di una persona infetta piuttosto che attraverso l'aria, e il rischio di contrarre la malattia da qualcuno che non ha alcun sintomo è molto basso. Tuttavia, ci sono persone che ottengono COVID-19 che hanno solo sintomi lievi, di solito nelle prime fasi della malattia, quindi la diffusione può provenire da qualcuno che ha una tosse lieve o non si sente male.

Sebbene il rischio sia basso, esiste anche la possibilità di diffondere COVID-19 attraverso il contatto con le feci di una persona infetta. L'Organizzazione mondiale della sanità sta attualmente valutando la ricerca condotta su questo argomento e fornirà informazioni aggiornate man mano che saranno disponibili ulteriori risultati.

Precauzioni per il coronavirus

  • Esistono diverse azioni raccomandate dall'OMS per prevenire o ridurre la probabilità di contrarre o diffondere IDOC-19. Alcuni di loro sono:
  • Lavarsi le mani correttamente e frequentemente con acqua e sapone o utilizzare un disinfettante a base di alcol. Questo assicura che i virus sulle tue mani possano essere eliminati.
  • Mantenere una distanza minima di tre piedi dalle persone che tossiscono o starnutiscono, perché quando ciò accade, piccole gocce di liquido che potrebbero contenere il virus vengono rilasciate dalla bocca o dal naso. Se sei vicino a queste persone c'è il rischio di inalare queste goccioline e acquisire il virus COVID-19, se la persona che tossisce o starnutisce è infettata da questa malattia.
  • Evitare di toccare gli occhi, il naso o la bocca. Questo è indicato perché le mani sono in costante contatto con molte superfici in cui il virus può vivere. Ciò che potrebbe accadere quando metti le mani sul viso senza lavarle è che il virus potrebbe essere trasferito ai tuoi occhi, naso o bocca, che sono i modi in cui può entrare nel tuo corpo e farti ammalare.
  • Mantenere una buona igiene delle vie aeree. Queste azioni coprono la bocca o il naso con la piega del gomito quando tossisci o starnutisci o ti coprono con un fazzoletto quando lo fai. È importante smaltire il tessuto dopo l'uso perché, come abbiamo detto, le gocce che portano il virus sono presenti lì e possono essere esposte ad altre persone. Il mantenimento dell'igiene respiratoria è un metodo efficace per combattere influenza, raffreddore e VID 19.
  • In presenza di uno qualsiasi dei sintomi di COVID-19, resta a casa. In caso di tosse, febbre e difficoltà respiratorie, consultare un medico e contattare le agenzie sanitarie appropriate. Prestare attenzione e seguire le istruzioni delle autorità sanitarie locali in modo responsabile. È importante fornire queste informazioni in modo che gli operatori sanitari possano agire con prevedibilità su questioni quali la determinazione della struttura sanitaria appropriata.
  • Tieniti informato delle ultime notizie su COVID-19. Segui i consigli su cosa fare e sii consapevole di come si sta diffondendo il virus nella tua zona. Dovrebbero essere seguiti i consigli su cosa fare e su come il virus si sta diffondendo nella tua zona. Le autorità locali e nazionali sono gli informatori più autorevoli su quali azioni le persone dovrebbero intraprendere in ciascuna area per ridurre le possibilità di diffusione e diffusione del virus.
  • Sii consapevole di ciò che sta accadendo nelle aree di maggiore pericolo. Le aree, le città e i luoghi che sono l'epicentro e in cui COVID-19 si sta diffondendo più rapidamente. Se possibile, non viaggiare verso o attraverso queste aree, specialmente se si hanno malattie come diabete, malattie cardiache o polmonite o se si è anziani.

Precauzioni per il coronavirus

Misure di protezione per le persone nelle aree in cui VOC-19 si sta diffondendo o che hanno recentemente visitato i siti più colpiti (negli ultimi 14 giorni)

  • Osservare, seguire e attuare le raccomandazioni di cui sopra. (Queste sono le misure di protezione pertinenti per tutte le persone).
  • Resta a casa se ti senti male o hai sintomi minimi di mal di testa, leggera febbre (37.3 oC o più) e lieve rinorrea, fino al recupero. Se è necessario uscire di casa o ricevere un'altra persona (ad esempio, per approvvigionamento alimentare o igiene), utilizzare una maschera per evitare l'infezione di altri a causa del contagio. Evitare il contatto con gli altri e le visite a strutture mediche contribuirà a rendere le cure più efficaci e a proteggere te e gli altri da possibili infezioni con VIDOC-19 o altri.
  • Se hai sintomi di tosse, febbre o mancanza di respiro, consulta rapidamente un medico. Potresti avere un'infezione respiratoria o altre gravi condizioni. La chiamata deve essere effettuata in anticipo e è necessario informare il proprio medico di eventuali viaggi recenti o contatti recenti con i viaggiatori.

Sintomi di coronavirus

I principali sintomi del nuovo coronavirus COVID-19 sono febbre, stanchezza e tosse secca. In alcuni casi ci sono pazienti che hanno presentato diverse immagini di congestione nasale, dolore, rinorrea, diarrea e mal di gola. Questi sintomi compaiono gradualmente e di solito sono lievi. 

Le persone più colpite (circa 80%) guariscono dalla malattia senza bisogno di alcun trattamento speciale. Secondo i dati dell'OMS, si stima che una persona su sei che contrae COVID-19 sviluppi una malattia grave e abbia difficoltà respiratorie.

Gli anziani e quelli con patologie mediche sottostanti, come ipertensione, problemi cardiaci o diabete, hanno maggiori probabilità di sviluppare malattie gravi.

Circa 2% di persone che hanno contratto questo virus sono decedute e si raccomanda alle persone con febbre, tosse o difficoltà respiratorie di cercare assistenza medica.

In che modo il coronavirus è diverso dall'influenza?

Il Centers for Disease Control and Prevention (CDC) - che è l'agenzia del Dipartimento della salute e dei servizi umani degli Stati Uniti - ha pubblicato grafici e specifiche per le persone per differenziare i sintomi del coronavirus da quelli di un comune raffreddore.

Il governo degli Stati Uniti, come tutti i paesi del mondo, è molto attento alla diffusione del nuovo coronavirus, che sta già aggiungendo nuovi casi e morti ogni giorno in quel paese e quasi in tutto il pianeta. Uno dei maggiori conflitti che rappresenta è che il coronavirus ha sintomi molto simili a quelli del raffreddore, dell'influenza o delle allergie comuni e questo può confondere la persona infetta, che potrebbe ridurre al minimo l'importanza di ciò che gli accade e quindi favorire la diffusione ad altri persone.

La prima cosa da sapere è se la persona ha la febbre. Se la risposta è sì, e hai anche il respiro corto, dovresti consultare il tuo medico perché c'è la possibilità che tu sia un caso positivo di coronavirus. Altri sintomi che compaiono se si ha questa malattia sono tosse, affaticamento e debolezza. Se non sei senza fiato, potresti avere l'influenza. Altri sintomi che si verificano con l'influenza includono tosse, affaticamento e debolezza.

Un'altra domanda importante da porsi è se la persona ha irritazione agli occhi. In tal caso, potremmo essere in caso di allergia. Altri sintomi di allergia sono starnuti e naso che cola. Se, d'altra parte, gli occhi della persona non sono irritati, potrebbe trattarsi del raffreddore comune. Altri sintomi del raffreddore includono starnuti, naso che cola e lieve disagio al petto.

Sebbene le tre condizioni possano generare la comparsa di sintomi simili, l'OMS (Organizzazione mondiale della sanità) ha determinato i parametri per trovare le loro differenze.

Secondo l'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) e i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie, questo è il modo di differenziare covid-19 (coronavirus), influenza e influenza. In sintesi, queste sono le descrizioni dei sintomi di ciascuno:

Coronavirus

I sintomi di COVID-19 si verificano progressivamente e sono sempre espressi con febbre alta e tosse costante. 

In alcuni casi la persona infetta mostra affaticamento, stanchezza, dolore corporeo, mal di gola, mal di testa e difficoltà respiratorie.

In casi eccezionali, possono verificarsi congestione nasale, muco in eccesso o diarrea.

Non c'è mai uno starnuto.

Influenza

Anche la condizione dell'influenza è progressiva ed è sempre dimostrata dai seguenti sintomi: starnuti, mal di gola, congestione nasale e muco in eccesso. 

In alcuni casi il paziente avverte stanchezza e tosse.

Stranamente, può causare febbre e mal di testa.

Non c'è mai diarrea o mancanza di respiro.

Influenza

La comparsa dell'influenza nel paziente è improvvisa e si manifesta sempre con febbre alta, affaticamento, tosse, mal di testa e altri dolori muscolari.

In alcuni casi, si verificano congestione nasale, mal di gola e diarrea.

Non c'è mai starnuti o mancanza di respiro.

Trattamento del coronavirus

È molto importante notare che mentre ci sono alcuni rimedi occidentali, tradizionali o domestici che possono alleviare i sintomi di COVID-19 e consentire un maggiore conforto nell'affrontare le sue conseguenze, non ci sono ancora prove scientifiche che ci siano attuali medicinali che possono prevenire o curare la malattia.

Attualmente sono in corso studi clinici con medicinali sia occidentali che tradizionali, ma dobbiamo essere alla ricerca di informazioni aggiornate dell'Organizzazione mondiale della sanità in merito ai risultati di questi studi.

Un fatto primario sui farmaci che dovrebbero essere attentamente considerati da tutte le persone è che gli antibiotici non sono efficaci contro i virus, solo contro le infezioni causate da batteri. COVID-19 è causato da un virus e quindi non esiste un antibiotico in grado di combatterlo. L'Organizzazione mondiale della sanità non raccomanda in alcun modo l'automedicazione, in particolare di antibiotici, per prevenire o curare l'ICVID-19.

Un altro chiarimento rilevante è che fino ad oggi non esistono vaccini o farmaci antivirali specificati per prevenire o curare questo nuovo coronavirus.

Autoisolamento o quarantena. Quando, dove, come, perché e per quanto tempo?

Una strategia abbastanza efficace che viene implementata in molti luoghi per evitare il contagio è l'autoisolamento. La quarantena o l'autoisolamento consiste nel tagliare qualsiasi possibile connessione con il mondo esterno, vale a dire stare a casa. Secondo una guida PAHO (Pan American Health Organization), ciò significa non frequentare luoghi di lavoro, scuola o pubblici e lontano da altre persone per non infettare nessuno o essere infetti. 

Se condividi la tua casa con un'altra persona, il consiglio è di evitare il più possibile il contatto, mantenere una distanza di almeno due metri, dormire separatamente e stare lontano dalle persone in uno stato più vulnerabile, come gli anziani o quelli con condizioni di salute. Non condividere asciugamani o articoli per l'igiene personale e provare a lavarsi le mani frequentemente per almeno venti secondi. 

L'OMS (Organizzazione mondiale della sanità) ha stabilito che una persona in quarantena non può ricevere visite. Le forniture o i pacchi che devono essere ricevuti devono essere lasciati alla porta di casa per evitare il contatto con la persona che consegna tali articoli.

Ogni paese è responsabile della determinazione delle condizioni di autoisolamento in base al grado di diffusione del virus che ha. Nel Regno Unito, ad esempio, è stato stabilito che qualsiasi persona con sintomi definiti, come la febbre sopra 37,8 gradi o una tosse persistente, devono essere messi in quarantena per sette giorni. Nella maggior parte dei paesi del Sud America - Argentina, Colombia e Brasile, tra gli altri - è stato indicato che l'autoisolamento per le persone provenienti dai paesi o dalle regioni più colpiti - Cina, Corea del Sud, Europa, Stati Uniti e Iran - dovrebbe essere di 14 giorni .

Per le persone con sintomi lievi di COVID-19, come febbre di basso grado, tosse lieve o affaticamento moderato, l'OMS e varie agenzie governative in tutto il mondo raccomandano di rimanere isolate ed evitare di andare in strutture sanitarie per non contribuire alla diffusione del virus e andare in ospedale solo se i sintomi diventano più gravi.

Raccomandazioni e suggerimenti per le forniture durante la quarantena o l'isolamento sociale

Dato che molte città, regioni e persino interi paesi dovranno essere messi in quarantena o isolati socialmente per far fronte alla diffusione del nuovo coronavirus COVID-19-, quanto segue evidenzia una serie di raccomandazioni e suggerimenti per far fronte ai giorni trascorsi a casa nel miglior modo possibile:

  • È importante cercare di evitare di uscire troppo per ottenere rifornimenti, quindi controllare gli elenchi per andare al supermercato o in farmacia prima di uscire ti impedirà di avere il tempo di socializzare ed essere esposti al virus.
  • Anche se mantieni l'igiene e l'ordine in casa, non smettere di prestare attenzione alle tue azioni quando esci. È essenziale per la tua sicurezza e per tutti gli altri che ti lavi accuratamente le mani prima di partire o al tuo ritorno. Se possibile, lascia le scarpe alla porta e il portafoglio, la borsa, le chiavi e gli oggetti usati di frequente in una scatola vicino alla porta. Cambia i vestiti ogni volta che ritorni dalla strada e indossa i vestiti che hai usato quando sei partito.
  • Prova il più possibile a fare un primo grande acquisto. Fare scorta di articoli come carta igienica, sapone, alcool, pronto soccorso e prodotti per la pulizia ti farà risparmiare più di un mal di testa.
  • Preferisce i minimarket, i magazzini e i fornitori più vicini. Evita di andare troppo lontano per procurarti cibo o medicine.
  • Per quanto riguarda il cibo, approfitta dell'acquisto di una varietà di prodotti in scatola (pomodori, frutta, tonno e sgombro, pasta, riso, verdure). Non dimenticare di acquistare carne, frutta, pesce e altri beni che puoi conservare nel congelatore. Frutta e verdura devono essere conservate in sacchetti separati a cubetti. Assicurati di acquistare banani o banane verdi (durano più a lungo di quelli maturi). Ottieni il massimo dal tuo congelatore, ti aiuterà a razionare e risparmiare tempo e risorse. Prepara salse, brodi e torte individuali per facilitare i tuoi pasti.
  • Segui una dieta equilibrata per rimanere in salute - sarà importante per la tua salute fisica e mentale - e cerca di essere creativo in cucina. Questo non solo ti farà sentire bene fisicamente, ma manterrà il tuo cervello attivo e contribuirà a migliorare il tuo umore.
  • Non smettere di acquistare oggetti che non ritieni indispensabili ma che serviranno da grande stimolo per i momenti di stress. Cioccolatini, bevande alcoliche e formaggio sono essenziali per migliorare il tuo umore quando ti senti triste o preoccupato per la situazione.
  • Approfitta del tuo soggiorno a casa per generare nuove attività nella tua vita. Ordina o riorganizza i tuoi vestiti, i tuoi mobili e la tua spesa. Approfitta del tuo soggiorno per guardare vecchie foto, provare a cucinare qualcosa che volevi e che non hai mai avuto. Impara a giocare a un gioco che non conoscevi. 
  • Osserva e scopri le conoscenze online. Corsi di vario genere, biblioteche aperte, musei e gallerie d'arte che puoi visitare online gratuitamente.
  • Per quanto è possibile, esercitare. Non stare a letto o sederti troppo a lungo. Alterna le ore davanti al computer o usando il telefono cellulare e la TV con le passeggiate all'interno della casa, anche se la tua casa è piccola.
  • Cerca di prendere il sole anche per pochi minuti ogni giorno.
  • Se hai un balcone o una finestra sulla strada, registra i movimenti che vedi, cerca di mantenere la comunicazione attraverso i social network o telefonicamente con i tuoi amici, vicini e persone care.
  • Tieniti informato sui nuovi eventi che si stanno verificando attraverso i dati e i canali delle agenzie ufficiali - bollettini ufficiali, comunicati e informazioni del governo della tua città, provincia, regione o nazione, Organizzazione mondiale della sanità, ecc. Fallo ogni giorno ma fai ciò che è necessario . Non è consigliabile essere iper connessi all'argomento per la maggior parte della giornata.
  • Se ti piace, puoi distrarti ascoltando musica, guardando serie e film, leggendo. Ma cerca anche di fare attività produttive per te e la tua casa: puoi dipingere, riparare mobili o elettrodomestici danneggiati, cerare i pavimenti, cambiare lampade che non funzionano. Fai tutto ciò che lasci sempre sospeso perché non hai tempo. 
  • Scrivi tutte le idee che ti vengono in mente, crea un registro dei tuoi giorni di quarantena, registra i tuoi pensieri, indaga sui tuoi sentimenti ed esprimili a coloro che ti sono vicini in qualunque modo tu possa.
  • Ricorda più che mai i numeri per le emergenze mediche, antincendio e di polizia. Non per allarmarti, ma non sai mai cosa potrebbe succedere. Inoltre, rimani connesso con i vicini più vicini. È anche un'opportunità per costruire relazioni con persone che vivono molto vicino a te ma con le quali non hai avuto contatti.
  • Se hai un animale domestico, presta molta attenzione ad esso. Assicurati che sia sano e ben nutrito. Approfitta di questi giorni a tempo pieno con lei e goditi la sua compagnia. Sarà molto piacevole e una buona ricompensa per te.
  • Se lavori da casa sul tuo computer per la prima volta, guarda come ti senti a farlo. Potrebbe essere una buona opportunità per continuare a farlo al termine della quarantena. Se non hai mai lavorato da casa, cogli l'opportunità di cercare in internet il telelavoro, fare ricerche, porre domande e discutere opzioni e opportunità. Gran parte del mercato del lavoro è presente e lo sarà ancora di più in futuro.
  • Avere una comunicazione speciale con le persone anziane che conosci o coloro che hanno problemi di salute cronici. Sono i più vulnerabili in questo momento, e ancora di più se vivono da soli. Una loro chiamata quotidiana può essere vitale per la loro salute.
  • Oltre a mantenere l'igiene della casa, come abbiamo detto, prova a ventilare correttamente gli ambienti. Apri le finestre e lascia che l'aria si rinnova durante il giorno.
  • Mantieni la tua casa a una temperatura confortevole. Non fare freddo o caldo. È essenziale mantenere la salute e il comfort durante i giorni di confino.
  • Cerca di non andare in banca e di fare tutti i tipi di documenti online. Se non l'hai mai fatto prima, è la situazione ideale da imparare. Al giorno d'oggi ci sono molte possibilità per risolvere problemi legali, lavorativi, bancari e commerciali senza uscire di casa.
  • Se un giorno non hai voglia di cucinare e conosci un posto dove ordinare cibo, fallo. Concediti una pausa e goditi un pasto diverso. A seconda del paese, ci sono luoghi che sono ancora aperti da asporto durante la quarantena.
  • Fai un inventario di tutti gli oggetti che non usi: vestiti, mobili, accessori, utensili da cucina, stoviglie, elettrodomestici, ecc. Tutto ciò che hai scartato puoi scegliere di regalare a chiunque tu voglia o donarlo a qualcuno che ne ha bisogno.
  • Balla, canta, scrive, disegna, dipinge, scatta foto. Ci sono innumerevoli forme d'arte che possono motivarti, portarti all'azione, aumentare la tua creatività, stimolare il tuo cervello, generare piacere e scoprire le abilità che avevi nascosto dentro.

Anticipi di vaccino contro il coronavirus

Le autorità governative della Repubblica popolare cinese - il paese in cui si è verificato il primo scoppio dell'attuale pandemia - hanno rilasciato una dichiarazione in cui si annuncia che un vaccino per mitigare gli effetti del coronavirus è stato sviluppato con successo. I processi umani sono già stati approvati, secondo il Ministero della Difesa nella sua dichiarazione.

Il raggiungimento del vaccino, che è stato dato grazie al team medico guidato dall'epidemiologo Chen Wei, che ha guidato le indagini, è avvenuto dopo lo scoppio del virus, il cui epicentro si trova nella città cinese di Wuhan, ha lasciato un numero molto elevato di infetti e morto in tutto il pianeta.

"Il vaccino è stato approvato per la sua sicurezza, efficacia e qualità da terzi e, secondo Chen, ha completato la sua preparazione preliminare per la produzione di massa", afferma il testo fornito dal Ministero.

Lo scorso febbraio, le autorità del gigante asiatico hanno indicato che avevano in programma di iniziare a testare vaccini di nuova concezione nell'uomo ad aprile per prevenire la diffusione del virus.

Inoltre, gli scienziati cinesi hanno notato progressi significativi dopo che un gruppo di scimmie infette ha effettivamente sviluppato un certo grado di immunità al coronavirus nel lavoro condotto attraverso una serie di esperimenti.

Inoltre, secondo le ricerche condotte dagli scienziati, ci sono prove che la trasmissione può avvenire anche attraverso gli occhi, quindi le maschere sono insufficienti per impedire la trasmissione.

La pandemia di coronavirus

A che temperatura muore il coronavirus?

Sebbene si sia diffusa la voce secondo cui il coronavirus muore a 25 gradi Celsius - persino lo stesso Donald Trump ha detto: "il calore, in termini generali, uccide questo tipo di virus" - non ci sono prove scientifiche per dimostrarlo.

Gli effetti della temperatura su questo virus non sono ancora noti. Anche il fattore stagionale potrebbe non essere importante in una pandemia delle caratteristiche che il mondo sta attualmente vivendo, a causa del contagio che si sta verificando tra gli emisferi del pianeta. Questo è simile a quello che è successo con H1N1, che è stato generato in primavera e cresciuto in estate.

Man mano che il numero di decessi e infezioni del nuovo coronavirus cresce costantemente, alcuni ritengono che la temperatura in aumento a causa dell'arrivo della primavera nell'emisfero settentrionale dovrebbe rallentare o arrestare la diffusione della malattia. Ma non è noto per certo e potrebbe anche non essere vero.

L'ipotesi che temperature più elevate in primavera possano disinnescare l'onda d'urto della malattia deriva in gran parte da un confronto tra il coronavirus e il raffreddore comune. In molte delle sue caratteristiche, COVID-19 è come un raffreddore: i due si diffondono in modo simile (secrezioni respiratorie e superfici contaminate) e concordano sul fatto che causano solitamente malattie respiratorie lievi che possono portare a gravi polmoniti che causano la morte. Ma la diffusione e il tasso di mortalità di IDOC-19 è molto più alto di quello del freddo. E non è noto se le trasmissioni COVID-19 saranno influenzate dall'aumento o dalla diminuzione delle temperature stagionali.

Per l'influenza, l'inizio della primavera provoca un notevole calo del numero di casi che rimangono fino al ritorno delle temperature più basse in autunno. Si presume che questo comportamento dell'influenza si verifichi a causa della sensibilità del virus ai diversi climi e ai cambiamenti stagionali del sistema immunitario umano e ai tipi di comportamento.

In linea di principio, il virus dell'influenza sembra sopravvivere meglio nei climi freddi e asciutti con una mancanza di luce ultravioletta. Inoltre, per molte persone, le giornate invernali, in cui i raggi del sole sono meno intensi e livelli di vitamina D e melatonina possono complicare il funzionamento del sistema immunitario. Infine, a causa delle basse temperature nelle strade, in inverno è più comune che le persone trascorrano più tempo con altre persone, al chiuso e in spazi ristretti, causando un aumento significativo delle possibilità di contagio e diffusione del virus.

Il livello delle infezioni da coronavirus può essere influenzato da queste abitudini stagionali delle persone, anche se non è stato dimostrato dalla scienza quali effetti della temperatura e dell'umidità hanno sul coronavirus, né la loro trasmissione tra gli umani. L'esperienza indica che altre specie di coronavirus sono stagionali, causando raffreddori comuni durante gli inverni, ma non è chiaro come agisca COVID-19.

Durante l'epidemia di SARS del 2002 e del 2003, i primi casi si sono verificati anche nell'inverno dell'emisfero settentrionale e si sono conclusi nel luglio 2003, con una ricorrenza minima nell'inverno successivo. Il numero di infezioni da SARS ha raggiunto il picco a maggio, quando le temperature erano più calde (equivalenti a novembre nell'emisfero meridionale) e la fine della diffusione avvenuta a luglio (equivalente a gennaio nell'emisfero meridionale) può chiaramente dimostrare il periodo richiesto per l'appiattimento di la curva di infezione da virus, piuttosto che un effetto climatico sulla diffusione del virus. È stato anche visto che il coronavirus MERS è stato trasmesso soprattutto in paesi con climi caldi.

Confrontando nuovamente gli effetti prodotti da COVID-19 con quelli dell'influenza, si può affermare che la cosiddetta influenza umana (H1N1) che è apparsa tra il 2009 e il 2010 è emersa durante la primavera dell'emisfero settentrionale ed è cresciuta fortemente in quella stagione e nell'estate successiva, per raggiungere finalmente il suo picco di casi nell'inverno successivo.

Questa esperienza mostra che gli effetti di una pandemia, aumentando il numero di casi in un gran numero di paesi sparsi in diversi continenti, possono generare un'escalation della trasmissione del virus anche in estate, attraverso le diverse stagioni, a differenza di altre piccole epidemie.

In conclusione, l'arrivo di climi con temperature più elevate può ridurre la trasmissione virale nell'emisfero settentrionale (a differenza dell'emisfero meridionale, dove l'arrivo dell'inverno aumenta notevolmente la trasmissione nel prossimo inverno), ma è altamente improbabile che il clima possa essere un fattore determinante nel porre fine a questa crescente pandemia.

L'economia dietro il Coronavirus

Media e social network in tempi di pandemia

Questa pandemia ha raggiunto l'umanità in un momento in cui vi è un accesso totale alle comunicazioni e ai media. Esiste un'iperconnettività di persone che in alcuni casi può essere dannosa. Ecco perché le grandi aziende multimediali hanno un'enorme responsabilità di fronte a questa crisi globale.

Sebbene i grandi media multimediali in diverse parti del mondo abbiano creato informazioni a cui è possibile accedere gratuitamente, è sempre consigliabile prima informarsi attraverso i canali ufficiali del governo di ogni città, provincia, regione, distretto o paese. Ci sono casi di media negli Stati Uniti, come il New York Times, il Wall Street Journal, Vanity Fair, The Atlantic e Wired che hanno sviluppato contenuti e sezioni con informazioni dettagliate sul coronavirus. In Francia, noti media come Le Monde e Le Figaro, che avevano iniziato a far pagare il loro pubblico nelle loro versioni online dopo il calo delle vendite del giornale di carta, decisero di dare uno spazio libero con informazioni sul coronavirus. Anche altri paesi nel mondo hanno imitato questa tendenza, che, sebbene notevole, richiede anche un alto grado di responsabilità nel fornire dati veri, informazioni adeguatamente controllate e non causare panico nella popolazione. Inoltre, molti canali e piattaforme includono contenuti educativi e ricreativi per i bambini in età scolare che devono rimanere a casa per un certo tempo. Le informazioni attuali sul coronavirus incentrate sui bambini piccoli vengono fornite anche in molti paesi, incluso il sostegno dei ministeri dell'istruzione.

Un'altra questione importante è l'uso corretto dei social network. L'enorme popolarità globale di Whatsapp, aggiunta ai social network più utilizzati al mondo, come Facebook, Instagram e Twitter, tra gli altri, produce un'enorme quantità di contenuti creati dai suoi utenti. All'interno di quel contenuto, ci sono innumerevoli quantità di notizie false, fotografie, audio e video che sono fuorvianti o male informati e possono portare le persone all'angoscia e alla disperazione. È essenziale chiedere alle persone in diversi paesi di non credere a tutto ciò che ricevono sulle loro reti e di controllare sempre le informazioni ufficiali. 

I governi spesso forniscono numeri di hotline e comunicano alla società attraverso le reti radio e televisive nazionali. A seconda della nazione, i mezzi per raggiungere le persone possono variare, ma una buona strategia di comunicazione potrebbe essere un punto significativo nel controllo della pandemia. Informazioni dettagliate e esplicative sui metodi di prevenzione, un buon piano per ricevere chiamate e l'attenzione delle strutture sanitarie sono punti chiave che dovrebbero essere affrontati. Inoltre, l'accompagnamento dei media tradizionali per portare questi messaggi alle persone, può generare efficaci meccanismi di collaborazione per aiutare a prevenire la diffusione e salvare vite.

it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) es_ESEspañol de_DEDeutsch fr_FRFrançais zh_CN简体中文 ja日本語 ru_RUРусский hi_INहिन्दी arالعربية id_IDBahasa Indonesia pt_BRPortuguês do Brasil ro_RORomână tr_TRTürkçe it_ITItaliano