Salta al contenuto

Coronavirus bovino (bovino)

Prima di tutto, è necessario chiarire che il coronavirus bovino è una malattia diversa dai coronavirus umani. Ad oggi, non ci sono prove che COVID-19 sia stato trovato nei bovini o che il coronavirus bovino possa essere trasmesso all'uomo.

Il coronavirus bovino manifesta tre diverse sindromi: sindrome da diarrea neonatale del polpaccio, dissenteria e infezioni respiratorie.

 Coronavirus bovino (bovini)

I sintomi più comuni della sindrome da diarrea neonatale sono la diarrea liquida abbondante, a volte con emorragia, anoressia, disidratazione e infine morte. La dissenteria inizialmente colpisce i vitelli adulti e può causare grave diarrea e riduzione della produzione di latte.

Questo virus è comunemente trasmesso nei vitelli quando le madri hanno la diarrea che non viene trattata o nei casi in cui non ereditano l'immunità quando viene somministrato il colostro e quindi non acquisiscono gli anticorpi necessari per generare l'immunità. Questo virus è più stabile nei climi freddi, quindi è più comune comparire durante l'inverno.

I coronavirus bovini possono anche causare lievi malattie respiratorie o polmonite nei vitelli fino a sei mesi di età. Il virus viene eliminato nell'ambiente attraverso secrezioni e feci nasali e il contatto con queste cause provoca contagio.

it_ITItaliano
en_GBEnglish (UK) es_ESEspañol de_DEDeutsch fr_FRFrançais zh_CN简体中文 ja日本語 ru_RUРусский hi_INहिन्दी arالعربية id_IDBahasa Indonesia pt_BRPortuguês do Brasil ro_RORomână tr_TRTürkçe it_ITItaliano